Fattura elettronica, cosa cambia dal primo luglio

Dal primo luglio per la fattura elettronica vi sono importanti novità (introdotte dall'art.11 del DL 119/2018 che ha modificato l'articolo 21 del DPR 633/1972).

Queste le novità:

1) la fattura deve indicare "la data in cui è effettuata la cessione di beni o la prestazioni di servizi ovvero la data in cui è corrisposto il tutto o in parte il corrispettivo, sempreché tale data sia diversa dalla data di emissione della fattura";

2) le fatture vanno emesse entro 12 giorni dall'effettuazione dell'operazione. Per le fatture differite, il termine ultimo di emissione rimane quello della fine del mese di effettuazione dell'operazione (se questa affermazione vi pare poco corretta, contattatemi pure telefonicamente e vi fornirò i miei chiarimenti - Luca Facchin).

Sanzioni per ritardata emissione delle fatture: dal 90 al 180% dell'Iva.
Significato di "emissione della fattura": invio della fattura al Sistema di Interscambio - SDI