Credito d'imposta sanificazione

Sono disponibili con provvedimento del 10.7.2020, i modelli e le istruzioni per i crediti di impost le spese di sanificazione e acquisto dei dispositivi di protezione individuale, e spese di adeguamento degli ambienti di lavoro.

 

E' stata pubblicata sul sito dell'Agenzia delle Entrate anche la circolare n.20/E del 10.7.2020, che dà i primi chiarimenti interpretativi e gli indirizzi operativi sui crediti d’imposta.
 

Il modello per comunicare le spese ammissibili al credito di imposta dovrà essere inviato con l’apposito servizio web o tramite i canali telematici dell’Agenzia; la risposta saràd ata entro 5 giorni. I beneficiari possono comunicare all’Agenzia di optare anche per la cessione, anche parziale, dei crediti ad altri soggetti, inclusiistituti di credito e altri intermediari finanziari.

Tra i beneficiari sono compresi gli operatori con attività aperte al pubblico - bar, ristoranti, alberghi, teatri e cinema. Inclusi anche i forfetari, imprenditori e imprese agricole, associazioni, fondazioni e altri enti privati, compresi quelli del Terzo settore.

Vengono dati chiarimenti  anche per il caso in cui le attività di sanificazione non siano effettuate da operatori professionisti, risultando ammissibili anche le spese collegate alle attività svolte in economia dal soggetto beneficiario.

Il credito d’imposta per l’adeguamento degli ambienti di lavoro - 60% delle spese agevolabili per un massimo di spesa di € 80.000 - si applica anche agli acquisti di software, sistemi di videoconferenza e  sicurezza della connessione,investimenti per smart working.