consulenza contabile

tenuta delle scritture contabili
redazione e analisi dei bilanci di esercizio
controllo di gestione


Il decreto attuativo del Pnrr, pacchetto turismo e attenzione ai beni strumentali!

  • Il Consiglio dei Ministri ha approvato il decreto legge per l’attuazione del Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr), di cui si riassumono le principali misure.

(promemoria) Nuovi limiti al pagamento in contanti dal 1.1.2022

  • Per effetto degli artt. 49 e 63, D.Lgs. n. 231/2007, dal 1.01.2022 la soglia dei pagamenti in contanti si abbasserà da € 2.000 a € 1.000: saranno leciti i pagamenti fino a € 999,99. Privati e imprese dovranno rimanere al di sotto di tale soglia nei pagamenti in contante in unica soluzione o per singole rate. Con i nuovi limiti cambieranno anche le sanzioni previste.
    • La nuova soglia è stata confermata dal sottosegretario al Mef nel corso delle interrogazioni a risposta immediata del 13.10.2021 in Commissione Finanze alla Camera.

Validità del green pass

Nuove faq del Governo. Abolito il termine temporale di 48 ore per la richiesta anticipata ai fini dell'accesso nei luoghi di lavoro.

Il tampone pagato dal datore di lavoro

Se non c'è un apposito accordo sindacale o una specifica clausola del regolamento interno, l'inquadramento è come benefit a carico del dipendente.

Obbligo green pass dal 15 ottobre 2021

Dal 15 ottobre 2021 e fino al 31 dicembre 2021, al fine di prevenire la diffusione dell'infezione da SARS-CoV-2, è fatto obbligo a:

   .-  lavoratori interni dell’azienda
    .- lavoratori esterni all’azienda
   .-  consulenti esterni di qualunque genere

di possedere e di esibire su richiesta la certificazione verde COVID-19 al momento dell’accesso nei locali aziendali.

Ritorna il credito di imposta sanificazione e DPI (anche tamponi)

Torna, per i mesi di giugno, luglio e agosto 2021, il credito di imposta sanificazione. L'Agenzia delle Entrate non ha ancora predisposto l'apposita procedura per la richiesta. Le spese agevolate sono le stesse ammesse al precedente credito di imposta sanificazione, oltre a quelle relative ai tamponi. Ricordiamo che tutte devono rispettare i requisiti di legge (es. anifacazione corredata da apposita certificazione, mascherine, guanti, altri dispositivi devono rispettare la normativa europea, pertanto le confezioni riportanti tali indicazioni devono essere conservate per sei anni).

Alla luce dell'esperienza maturata con il credito di imposta del 2020, il beneficio verrà richiesto solo per i nostri clienti che sostengono spese per un importo superiore a Euro 3.000,00. Ciascuna pratica infatti richiede mediamente oltre tre ore di lavoro, risultando quindi molto onerosa. Le fasi da svolgere sono le seguenti:

 

.- apertura del fasicolo bouns sanificazione intestato al soggetto beneficiario;
.- raccolta delle fatture relative al servizio di sanificazione, acquisto DPI, tamponi;
.- coordinamento con il cliente per la verifica che gli acquisti rispettino i requisiti di legge, testo di legge alla mano;
.- calcolo del bonus teoricamente spettante;
.- redazione della pratica e successivo invio telematico all'Agenzia delle Entrate;
.- raccolta e archiviazione della ricevuta attestante l'avvenuta ricezione da parte dell'Agenzia delle Entrate;
.- monitoraggio successivo del sito dell'Agenzia delle Entrate per la comunicazione della misura definitiva del credito di imposta con determinazione del credito di imposta effettivamente spettante.

Sistema Tessera Sanitaria, invio dei dati relativi al primo semestre 2021

Si ricorda che i soggetti tenuti all'invio dei dati al Sistema Tessera Saniaria la prima scadenza è fissata al 31.7.2021 per le prestazioni del primo semestre 2021.

Sconto sulla TARI ma bisogna muoversi entro il 31 maggio prossimo!!!

PER MAGGIORI INFORMAZIONI CONTATTATE IL VOSTRO COMUNE O IL GESTORE DELLA RACCOLTA RIFIUTI PER CAPIRE COME PROCEDERE PER QUANTO ESPOSTO DI SEGUITO

Con  il Decreto-Legge 22 marzo 2021, n. 41 – il cosiddetto “decreto ristori” – viene specificato che il termine entro il quale le aziende devono scegliere se utilizzare o meno il servizio pubblico di asporto dei propri rifiuti divenuti urbani è il 31 maggio 2021.

Sostegni-bis, fondo perduto e moratoria dei prestiti

Quello che si sa del testo in Consiglio dei ministri. Vi sono anche nuove istruzioni per i forfetari.

Quali sono le fatture soggette alla marca da bollo?

Facendo seguito al post di ieri riguardante la messa a disposizione degli elenchi A e B messi a disposizione dall'Agenzia delle Entre, si riepilogano di seguito le casistiche in cui la fattura elettronica va assoggettata alla marca da bollo.
 
Sono soggette alla marca da bollo, le fatture di importo superiore ad € 77,47 riguardanti:
  • Operazioni fuori campo IVA per mancanza del presupposto soggettivo o oggettivo (Art. 2, 3, 4 e 5 DPR 633/1972), territoriale (Art. da 7 a 7-septies DPR 633/1972);
  • Operazioni escluse dalla base imponibile dell’ IVA (Art. 15 DPR 633/1972);
  • Operazioni esenti da IVA (Art. 10 DPR 633/1972);
  • Operazioni non imponibili perché effettuate in riferimento a operazioni assimilate alle esportazioni, servizi internazionali e connessi agli scambi internazionali, cessioni ad esportatori abituali (esportazioni indirette Art. 8 lett. c) DPR 633/1972);
  • Operazioni effettuate dai soggetti passivi che usufruiscono del nuovo regime dei minimi e del regime forfettario

Pagine

Abbonamento a RSS - consulenza contabile